martedì 14 settembre 2010

i libici sparano mitragliate, i nostri politici cazzate!

Sembrerebbe una barzelletta. Una nave da pesca battente bandiera italiana esce (per lavorare!) in mare, varca le acque internazionali e viene intercettata da una motovedetta libica.
Dopo l'identificazione avvenuta via radio, i libici sparano colpi di mitra ad altezza uomo.
Non è una barzelletta, è cronaca!
E ci sono le aggravanti: la motovedetta è italiana, donata alla Libia in seguito al patto d'amicizia siglato da Amato e poi da Berlusconi col terrorista Gheddafi.
A bordo della motovedetta c'erano ben sei finanzieri italiani, in qualità di ispettori e istruttori dei libici:peccato che quando quelli sparavano loro erano forzatamente in coperta.
I libici hanno sparato in acque internazionali che...considerano loro!!!
I nostri governanti anzichè interrompere i rapporti con questo stato Canaglia e garantire il lavoro dei pescatori siciliani...minimizzano l'assalto militare libico!

Ora Basta..schiavi della Nato,schiavi della libia..BERLUSCONI DIMETTITI!

FORZA NUOVA

Nessun commento:

Posta un commento